mercoledì 10 febbraio 2021

lunedì 8 febbraio 2021

La colonna sonora alle Fotografie

Per la seconda edizione di Fotografie in Re Maggiore, torna la musica dal romanzo:

Elisa e Livia, le protagoniste di Fotografie in Re Maggiore, vivono con una costante colonna sonora nella testa.

Tra le pagine del romanzo sono spesso presenti canzoni che fanno da sfondo alle conversazioni e agli avvenimenti, e altrettanto spesso i personaggi citano parole e versi di canzoni.

Su Spotify si può trovarela raccolta di tutte queste canzoni, da Kate Bush a David Bowie, da Paolo Conte e Fabrizio de André.

Una colonna sonora che può accompagnare la lettura del romanzo o semplicemente un po' di musica dal mondo di Elisa e Livia.



sabato 6 febbraio 2021

giovedì 22 ottobre 2020

Torna Fotografie in Re Maggiore

Arriva oggi la seconda edizione di Fotografie in Re Maggiore:

Un appartamento, due amiche che, mano nella mano, corrono alla ricerca della serenità.

Elisa è una ragazza semplice, da sempre innamorata del suo fidanzato, con un lavoro sicuro ma senza stimoli. Livia è piena di vitalità, ama l’amore e la sua sfuggevolezza, forse anche per questo ha una relazione con un uomo sposato. Ma la vita le mette di fronte a delle scelte, a ostacoli diversi, come il fortuito incontro con Mattia che farà nascere qualcosa di inaspettato nel cuore di Livia; o l’incognita del futuro quando il lavoro che ami e odi allo stesso tempo, non è più tuo. Nuove esperienze, balli in maschera, pub, amiche più o meno simpatiche… tante risate, ma anche delusioni, inaspettati tradimenti e… baci rubati.

🛒SHOP: Amazon.it: Qui
        Amazon.com: Qui


sabato 1 agosto 2020

Transitorietà

Transitorietà.
In aereo, in un non-tempo,
in un non-spazio,
in un fulmineo istante la realizzazione lucida di quel sentimento di sospensione, di transitorietà.

Settimane fa, aspettavo di poter finire le mie lezioni (ormai online), perché con l'inizio delle vacanze tutto sarebbe stato tutto come prima... ma così non è stato.
Ancora qualche giorno trascorso ad aspettare, perché poi (forse) sarei potuta andare in Italia e lì sarebbe stato tutto come prima... ma anche lì Italia così non è stato.
E poi ancora il ritorno in Belgio che attendeva, dove avrei trovato la normalità di un tempo e dove invece si afferma sempre più forte questa nuova realtà, dove si parla di seconda ondata.

Ondata. Uno dei termini ormai mitologici insieme a contagio, mascherina, curva...

E lì, in aria, nel momento dell'atterraggio, nell'istante in cui l'aereo ha toccato il suolo, ho sentito il sollievo, quel ridicolo pensiero inconscio: "è andato tutto bene", come se in un volo Roma-Bruxelles si stesse ogni volta sull'Apollo 13 o volando verso Armageddon.
Ecco, subito dopo quella sensazione di sollievo è arrivato un capogiro, un'onda (non un'ondata) gravosa:
non è finito niente, non sappiamo niente, forse andrà tutto bene (come tanto ci si ripeteva in Italia durante il lockdown, come un mantra, uno slogan, una preghiera). Per ora, però, è solo una bolla di attesa, di imprevedibilità.
Tutti nella stessa bolla, tutti sullo stesso aereo, un volo sospeso in aria senza una destinazione stabilita, tutti a guardare fuori dal finestrino, alla ricerca affannosa di un nuovo paesaggio, o forse di quello consueto e rassicurante, ma nuovamente illuminato dal sole.
Transitorietà.




mercoledì 15 aprile 2020

Viaggiare in lockdown

Vacanze di Pasqua in lockdown.
Tra le pagine e le parole viaggio da Bruxelles a Roma, da Tokyo a Torino e infine a Brindisi.
Con me il sapore di tè matcha e il profumo estivo di acqua di cocco.


sabato 26 ottobre 2019

La voglia di studiare (di nuovo) la lingua geniale (il greco antico)

Cantami, o Diva,
dei paradigmi ormai dimenticati,
di quelle preziose ed eleganti lettere un po' annebbiate.


Improvvisamente una lettura ti riporta indietro nel tempo, di anni, di una vita.


La semplice parola aoristo ti fa tornare seduta a un banco, davanti a una lavagna sporca di gesso, ma soprattutto il pensiero torna ad Achille ed Ettore, a Odisseo e il suo vagare, a Saffo e la sua gelosia.


La Lingua Geniale
di Andrea Marcolongo:
"Innanzitutto questo libro parla di amore: il greco antico è stata la storia più lunga e bella della mia vita. Non importa che sappiate il greco oppure no. Se sì, vi svelerò particolarità di cui al liceo nessuno vi ha parlato, mentre vi tormentavano tra declinazioni e paradigmi. Se no, ma state cominciando a studiarlo, ancora meglio. La vostra curiosità sarà una pagina bianca da riempire. Per tutti, questa lingua nasconde modi di dire che vi faranno sentire a casa, permettendovi di esprimere parole o concetti ai quali pensate ogni giorno, ma che proprio non si possono dire in italiano. Ad esempio, i numeri delle parole erano tre, singolare, plurale e duale - due per gli occhi, due per gli amanti; esisteva un modo verbale per esprimere il desiderio, l'ottativo, e non esisteva il futuro. Insomma, il greco antico era un modo di vedere il mondo, un modo ancora e soprattutto oggi utile e geniale. Non sono previsti esami né compiti in classe: se alla fine della lettura sarò riuscita a coinvolgervi e a rispondere a domande che mai vi eravate posti, se finalmente avrete capito la ragione di tante ore di studio, avrò raggiunto il mio obiettivo."