mercoledì 8 marzo 2017

Presentazione ed esposizione a Bruxelles


Presentazione del romanzo:

Fotografie in Re Maggiore
di Claudia Bresolin

sabato 8 aprile - 15.45
Piola.Libri - Rue Franklin 66 - 68 Brussel

Letture tratte dal romanzo accompagnate da fotografie e dipinti dell'autrice per far vivere il libro fuori le sue stessa pagine.

Intervengono:
L'autrice Claudia Bresolin
La regista e attrice Ortensia Semoli


Che cos'è la felicità?
È ciò che si chiedono Elisa e Livia, due giovani donne che condividono una profonda amicizia.
Due anime perfettamente in sintonia, come il bianco e il nero dei tasti di un pianoforte.
L'amore è un momento perfetto che dura quanto lo scatto di una fotografia, come crede Livia? O deve togliere il respiro e superare lacrime e sofferenze, come ritiene Elisa?

La loro amicizia è invidiabile, quasi perfetta, ma lo scontro di visioni contrapposte può metterla a repentaglio, quando la realtà le pone di fronte a ostacoli da superare.
Tra i vicoli di Roma s'intrecciano le voci alterne di Livia ed Elisa, in un continuo susseguirsi di toni intimi e soavi, ma anche ironici e vivaci.

Informazioni:

lunedì 6 febbraio 2017

Posso scrivere i versi più tristi stanotte

Dopo una serata al cinema scoprire, riscoprire e ritrovare per l'ennesima volta la poesia e la poesia nella poesia.

 

Posso scrivere i versi più tristi questa notte.

Scrivere, ad esempio : La notte è stellata,
e tremolano, azzurri, gli astri in lontananza.

Il vento della notte gira nel cielo e canta.

Posso scrivere i versi più tristi questa notte.
Io l'amai , e a volte anche lei mi amò .

Nelle notti come questa la tenni tra le mie braccia.
La baciai tante volte sotto il cielo infinito.

Lei mi amò, a volte anch'io l'amavo.
Come non amare i suoi grandi occhi fissi.

Posso scrivere i versi più tristi questa notte.
Pensare che non l'ho. Sentire che l'ho perduta.

Udire la notte immensa, più immensa senza lei.
E il verso cade sull'anima come sull'erba in rugiada.

Che importa che il mio amore non potesse conservarla.
La notte è stellata e lei non è con me.

E' tutto. In lontananza qualcuno canta. In lontananza.
La mia anima non si rassegna ad averla perduta.

Come per avvicinarla il mio sguardo la cerca. Il mio cuore la cerca, e lei non è con me.

La stessa notte che fa biancheggiare gli stessi alberi.
Noi quelli di allora, più non siamo gli stessi.

Più non l'amo, è certo, ma quanto l'amai.
La mia voce cercava il vento per toccare il suo udito.

D'altro. Sarà d'altro. Come prima dei suoi baci.
La sua voce, il suo corpo chiaro . I suoi occhi infiniti.

Più non l'amo, è certo, ma forse l'amo .
E' così breve l'amore, ed è sì lungo l'oblio.

Perché in notti come questa la tenni tra le mie braccia,
la mia anima non si rassegna ad averla perduta.

Benché questo sia l'ultimo dolore che lei mi causa
e questi siano gli ultimi versi che io le scrivo.
Neruda

lunedì 23 gennaio 2017

Characters Book tag

Un booktag veloce raccolto e accolto con piacere da Bookitipy, un blog letterario presente anche su Instagram con molte fotografie e libri.
Ma ecco il Booktag, ho provato a farlo velocemente senza pensare troppo e, per fortuna o purtroppo, è venuto un po' austeniano:

Libro in lettura
Il lamento di Portnoy - Philip Roth

Personaggio preferito maschile
Algernon - L'importanza di essere Ernest...Il primo a cui ho pensato in verità è Gatsby, ma diamo un tono allegro a questo booktag!

Personaggio preferito femminile
Lizzie - Orgoglio e Pregiudizio

Personaggio che odi
Ci sono mille personaggi antagonisti a cui potrei pensare... invece mi è venuta in mente Margaret Hale di Nord e Sud, non la odio, però ho letto recentemente il romanzo e un pochino mi ha delusa. Per tutta la lettura non sono riuscita ad entrare in sintonia con la protagonista, con i suoi pensieri, con le sue opinioni... forse non l'ho odiata, ma di certo non l'ho amata.
(E paragonare la Gaskell con Jane Austen e Lizzie con Margaret è sacrilegio 😏)

Qualità di un personaggio che ti piacerebbe avere
L'ingegno di Poirot sommato all'arguzia e alla conoscenza di Guglielmo da Baskerville.

Personaggio più simile a te
La prima risposta che mi è venuta un mente è stata Jane Eyre... ma poi mi sono ricordata di Fanny Price di Mansfield Park... un altro personaggio austeniano.

Lascio il compito di pensare ai propri personaggi a:
Uno scaffale di libri
Il cuore in un libro
Il piacere della lettura


lunedì 16 gennaio 2017

Un perfetto e ansioso Blue Monday


La parola ansia regna nella mia vita e di molte delle persone che mi circondano. È una mia impressione o l'ansia è sempre più popolare ultimamente? Sicuramente nei social ci sono un bel numero di video, foto e post che hanno per tema l'ansia.
Ansia per cosa? Per il lavoro, per averlo o per doverlo trovare, per lo studio, ansia da impegni, ansia nelle relazioni...

Oggi è il Blue Monday, il giorno più triste dell'anno; perché fa freddo, perchè la gioia del Natale è alle spalle e l'estate è lontanta.
Per me oggi non è un giorno triste, ma, come troppo spesso accade, un giorno pieno d'ansia per gli impegni e gli orari da incastrare, per gli obiettivi da raggiuingere, per le scadenze da rispettare.
Allora mi sento un po' come Elisa di Fotografie in Re Maggiore che sin dalle prime parole si confessa come ansiosa cronica.

E per citare Ascanio Celestini: "C'ho l'ansia!"



venerdì 23 dicembre 2016

Incontro Firmacopie

24 dicembre - Incontro firmacopie dalle 10 alle 15
Centro commerciale Porta di Roma - Kukkuma Caffè


È sempre bello incontrarsi con un amante della lettura e domani potrebbe essere l’occasione giusta!


lunedì 19 dicembre 2016

Regali di Natale

Non importa quanto spesso ci si veda con alcune persone: quando si avvicina il periodo di Natale c'è quest'istinto di dover fare un inventario dei propri conoscenti, amici e parenti... e poi cene fra colleghi, cene fra amici... super cene in famiglia.
Ed io e Livia non eravamo certo da meno, anche noi eravamo contagiate da quel morbo che non ti lascia una sola serata libera e che ti costringe a stipare persino più di un impegno al giorno: aperitivo con Tizio alle 19,00, appuntamento con Caio per cena alle 20,30 e dopocena alle 23 con Sempronio.
Era forse una sorta di allenamento per lo stomaco per quelli che sarebbero stati i cenoni familiari?
Senza parlare degli stupidi e insulsi presenti che vengono scambiati. Presenti, non regali: candele e banali oggetti di decorazione per la casa comprati a manciate senza un criterio studiato.
(Fotografie in Re Maggiore)